Cuscino qual è meglio?

Cuscino qual è meglio?

Per poter riposare bene occorre scegliere non solo un buon materasso ma anche un cuscino per il letto adatto a noi. A questo punto sorge spontanea la domanda: un cuscino non vale l’altro? La risposta è no. 

Spesso sentiamo di non aver dormito bene perché il cuscino su cui abbiamo riposato non era il nostro, oppure abbiamo avuto difficoltà ad addormentarci perché il cuscino non era abbastanza comodo. Queste situazioni capitano soprattutto quando dormiamo fuori casa e la prima notte è decisamente sempre la peggiore!!

Un buon cuscino è fondamentale e da questi piccoli dettagli è chiaro quanto possa incidere sulla qualità del nostro riposo. Il cuscino deve evitare che al mattino ci faccia svegliare con dolori sparsi ovunque, in particolare sulle spalle. Questo vuol dire che la sua dimensione o l’altezza sono decisamente sbagliate. 

Ma allora come dobbiamo fare per capire quale cuscino fa al caso nostro? Seguite questi pochi passaggi: sicuramente troverete più facile scegliere il guanciale letto che fa per voi.


Vuoi saperne di più sui materassi Lamantin?

Contattaci per maggiori informazioni

Posizione assunta durante il sonno 

Quando si tratta di acquistare un cuscino è buona abitudine valutare le proprie abitudini, in particolare la posizione che siamo soliti assumere per dormire. Se dormiamo supini, cioè a pancia in su, abbiamo bisogno di un cuscino di medio spessore, più basso delle spalle e semi duro. Il guanciale deve mantenere costante la normale curvatura del rachide cervicale; solo in questo modo si evitano fastidiosissimi dolori!

Un cuscino basso va bene per chi preferisce dormire a pancia in giù. Un cuscino per il letto basso e morbido riduce la pressione del collo ed evita di costringere la testa a restare per ore reclinata all’indietro.
Se invece la nostra posizione ideale è su un fianco allora il cuscino deve essere abbastanza rigido per permettere l’allineamento testa-collo-spina dorsale. Il peso deve distribuirsi in modo uniforme per evitare un’innaturale flessione del collo e della testa.

Dimensioni del guanciale

Abbiamo detto che, al di là delle nostre abitudini, un buon cuscino deve aiutarci a mantenere ben allineati testa, collo e spina dorsale. Oltre l’altezza e la consistenza giusta, un cuscino letto deve anche avere una dimensione adatta a noi, alla nostra corporatura e altezza. Le dimensioni del cuscino sono 50/60 cm per la versione standard, 60/80 cm per la versione maxi. I cuscini per bambini devono avere dimensioni più piccole.


Vuoi saperne di più sui materassi Lamantin?

Contattaci per maggiori informazioni

Composizione del cuscino

I cuscini letto più diffusi sono in piuma, lattice, sintetici e Memory Foam.

I cuscini che hanno un’imbottitura costituita di piume e piumini d’oca sono molto morbidi: basta scrollarli per vederli belli voluminosi, ma come si appoggia la testa sopra si “sgonfiano” immediatamente. Il cuscino in piuma non riesce a sostenere correttamente il collo e la testa. E’ consigliabile solo per chi dorme a pancia in giù. Attenzione, però! Le piume possono essere causa di allergie e perciò non vanno assolutamente bene per chi soffre di asma e riniti allergiche e neppure per i bambini, per i quali è preferibile sempre un cuscino sintetico.

I cuscini in lattice, sia sintetico o naturale, offrono un buon sostegno per chi dorme su un fianco o per chi ha una corporatura molto robusta.

Il cuscino sintetico ha un’imbottitura in fibra di poliestere. E’ morbido e adatto per i bambini o per chi ha una corporatura esile. Perfetto per chi dorme a pancia in giù o ha problemi di allergie.

I cuscini in Memory foam sono costituiti da poliuretano, un materiale in grado di memorizzare per qualche secondo la forma della testa e del collo quando si cambia posizione. Sono adatti per chi dorme preferibilmente su un fianco e sono perfetti per tutti poiché non creano allergie.


Vuoi saperne di più sui materassi Lamantin?

Contattaci per maggiori informazioni

Forma del cuscino

Anche la forma è importante. Il cuscino perfetto non esiste chiaramente, perciò valutate sempre quello più adatto per voi.

Sul mercato i cuscini letto hanno forme diverse; il più diffuso è il cuscino classico a “saponetta” ovvero rettangolare, che va generalmente bene in ogni circostanza.

Il cuscino ortocervicale, con la caratteristica forma ad onda, è particolarmente indicato per prevenire e curare la cervicale.

Meno diffusi, i cuscini letto ergonomici a forma di “U” e quelli alla francese a cilindro.

Oltre alla composizione, alla forma e alla dimensione occorre guardare anche che il cuscino abbia un buon rivestimento, preferibilmente in fibra naturale e asportabile per permettere un’accurata igiene. Per garantire la conservazione del cuscino è bene farlo arieggiare almeno una volta a settimana, lontano dalla luce diretta del sole. Anche girarlo sovente gli garantisce una vita più lunga; in questo modo si evita che il cuscino possa deformarsi.

Ricordarsi di lavare la fodera con acqua e additivo ogni 2 mesi per rimuove batteri, odore, sudore e saliva. Una buona manutenzione è importante, ma è comunque bene cambiare il cuscino ogni 3/5 anni.


Pubblicato il 28/02/2018
Categorie:
Tag: memory foam, letto, cuscino, riposo, dormire

Contatti

Scopri tutti i dettagli delle offerte Lamantin!
Inserisci i tuoi dati nel modulo seguente per essere ricontattato dal nostro staff